Operativo il 'Bonus rottamazione Tv' - Come ottenere fino a 150€

È in arrivo il contributo economico per incentivare l’acquisto di impianti TV ad alta tecnologia. Infatti, il Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti in data 7 luglio 2021, ha firmato il decreto attuativo che rende operativo il bonus rottamazione Tv, in favore dei cittadini che acquisteranno televisori compatibili con i nuovi standard tecnologici di trasmissione del digitale terrestre Dvbt-2/Hevc Main 10. L'agevolazione consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d'acquisto, fino a un massimo di 100 euro, che si può ottenere rottamando un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018. Si sottolinea la portata dell’agevolazione, che prevede la possibilità di usufruire del bonus rottamazione Tv a tutti i cittadini in quanto non è condizionato da alcun limiti di reddito calcolato con l’ISEE. Pertanto, il bonus per l’acquisto di un televisore verrà riconosciuto ad ogni nucleo familiare nella misura indicata, fino al 31 dicembre 2022.

Pertanto, questo bonus, tra l’altro, è cumulabile con quello introdotto dal decreto interministeriale del 18 ottobre 2019, il bonus TV 2020, da 50 Euro operativo già da qualche anno per l’acquisto di un televisore o di un decoder in linea con i nuovi standard televisivi.





Il bonus rottamazione Tv ha l'obiettivo di favorire la sostituzione di apparecchi televisivi che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici, al fine di garantire la tutela ambientale.

Centrale per ottenerlo sarà la rottamazione di un vecchio TV, acquistato prima del 22 Dicembre 2018, dal momento che - come leggiamo nella circolare - "lo sconto ha l'obiettivo di favorire la sostituzione di apparecchi televisivi che non sono idonei ai nuovi standard tecnologici, al fine di garantire la tutela ambientale e la promozione dell'economia circolare attraverso un loro corretto smaltimento".

Le risorse destinate alla misura sono complessivamente 250 milioni di euro.

Vediamo di capire più in dettaglio quali requisiti occorrono e come funziona.

Nel decreto attuativo il Ministero non parla esplicitamente di Bonus ma piuttosto di "uno sconto del 20%" sul prezzo d'acquisto di un nuovo TV, che può raggiungere un massimo di 100 Euro. È questa la prima novità rispetto al precedente, che prevede l'erogazione di 50 Euro a tutti coloro che rientrano nelle fasce ISEE I o II al momento dell'acquisto.

Stante l'avvicinarsi di questo importante passaggio i cittadini possono verificare la compatibilità dei loro apparecchi televisivi accedendo alla pagina nuovatvdigitale.mise.gov.it ; https://bonustv-decoder.mise.gov.it/prodotti_idonei

Il bonus TV 2021 senza ISEE è destinato a chiunque voglia rottamare un televisore, incompatibile con i prossimi standard di trasmissione, a patto che sia in possesso dei seguenti tre requisiti:

1) avere la residenza in Italia;

2) voler rottamare un televisore comprato prima del 22 dicembre 2018;

3) essere in regola con il pagamento del canone.


Si precisa che lo sconto verrà riconosciuto per l’acquisto di un solo televisore per ogni nucleo familiare.


Nella notizia del 7 luglio il MISE specifica che ci sono due modi per ottenere lo sconto.

In particolare:

i) consegnando il vecchio televisore al negozio dove si intende acquistare quello nuovo. Il rivenditore applicherà la riduzione del prezzo, si occuperà dello smaltimento dell’apparecchio e otterrà un credito fiscale pari allo sconto riconosciuto al cliente al momento dell’acquisto di quello nuovo;

ii) portando il vecchio televisore in un’isola ecologica autorizzata e facendosi rilasciare un modulo che certificherà l’avvenuta consegna e tutta la documentazione utile per richiedere lo sconto al rivenditore presso cui si andrà a comprare il nuovo TV.


A partire da lunedì 23 agosto i cittadini possono richiedere il bonus rottamazione tv per l’acquisto di televisori compatibili con il nuovo digitale terreste Dvbt-2/Hevc Main.

Per richiederlo è sufficiente avere un apparecchio da rottamare e presentarsi dal rivenditore o all’isola ecologica autorizzati con il modulo di autodichiarazione compilato.

Tutti i rivenditori possono registrarsi sulla piattaforma resa già disponibile dall’Agenzia delle entrate per il precedente bonus, che consente automaticamente di essere autorizzati a concedere il bonus ai cittadini.

Si precisa che al momento è possibile solo una stima non verificabile dei televisori da sostituire nell’intero percorso verso le nuove tecnologie di trasmissione televisiva che si completerà a gennaio 2023. Pertanto qualsiasi previsione sulle percentuali di copertura del bonus, già pubblicate da alcuni giornali, sono da ritenersi prive di fondamento.

Il Mise è inoltre pronto a chiedere, ove necessario sulla base dell’utilizzo della misura, un ulteriore finanziamento del bonus nella prossima legge di bilancio. Le risorse al momento disponibili sono pari a circa 220 milioni di euro (30 milioni sono stati invece già erogati con il precedente incentivo).

Per maggiori informazioni:


19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti